Fibromialgia, la malattia del dolore costante.

e.

La malattia non ha cura, tuttavia, ci sono più trattamenti per migliorare i sintomi e la qualità della vita di coloro che ne soffrono.

Fibromialgia, la costante malattia del dolore

Coloro che soffrivano di   fibromialgia  , probabilmente prima di questa diagnosi,   erano numerosi specialisti che cercavano una spiegazione per la loro condizione . Anni di sofferenza, trattamenti e farmaci spesso non trovano alcun miglioramento.

L’   Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OMS  , lo ha riconosciuto come una malattia nel 1992, tuttavia, non   si sa cosa lo produca  . In Colombia non ci sono molti studi in questa direzione, ma è noto che   ogni anno v’è un aumento del numero di consultazioni con diagnosi e pazienti  , e molti altri che ancora non trovano rimedio per la loro malattia, soprattutto le donne di mezza età, alla ricerca di vari alternative senza trovare risultati soddisfacenti

I sintomi tipici della fibromialgia includono   disturbi del dolore muscolare diffuso, stanchezza cronica e il sonno, e può aggiungere visione offuscata, occhi e / o secchezza delle fauci, testa -Dolores fortemente mal di testa, intorpidimento delle mani e dei piedi, sindrome del colon irritabile, rigidità mattutina, dismenorrea – periodi mestruali dolorosi – e nei casi più estremi, dolore costante e intenso, genera stress, ansia o depressione.

E ‘classificato come una   malattia reumatica  che viene di solito diagnosticata con test di laboratorio, tuttavia, la fibromialgia, esami del sangue e la radiologia non ha dato alcun risultato così la sua diagnosi è più complicata, e   si può trascorrere un lungo periodo di tempo per il parere è corretto  .

Punti chiave per la diagnosi

La malattia   non ha cura, ma ci sono 19 punti di gara nel corpo che facilitano la diagnosi medica   e si trovano nel   collo, spalle, schiena, fianchi, braccia e gambe , che quando viene premuto causare dolore e dare un maggiore successo per il paziente. valutazione medica per iniziare un trattamento che migliora la qualità della vita di coloro che soffrono.

Alcuni studi scientifici avvertono che   non è un rapporto tra l’insorgenza della malattia con infezioni batteriche o virali  , malattie infiammatorie croniche e in anticipo di incidenti, anche con altre malattie reumatiche come l’artrite reumatoide e il lupus eritematoso, anche se non v’è alcuna certezza in queste indicazioni ..

trattamenti

La fibromialgia   può essere trattata per contribuire a migliorare apparentemente il benessere di coloro che ne soffrono  .

Il trattamento medico   è il primo passo per ridurre i sintomi  , impostare i farmaci allopatici più appropriati o, in alternativa -Medicina e indicare il piano di gestione complementare con professionisti di altre aree, come psicologi e fisioterapisti, o discipline come la danza, l’idroterapia, il lavoro mente-corpo, stretching e migliorare la condizione fisica attraverso esercizi dolci, che sono attività molto benefiche, ma hanno bisogno di essere guidati da professionisti in questi settori.

Ricercatori tedeschi hanno scoperto che   nei pazienti con bassi livelli di fibromialgia di collagene intorno alle fibre nervose può ridurre la soglia del dolore  , nel senso che sono persone che sentono più dolore.

L’applicazione endovenosa di vitamina C ascorbato di sodio   diventa una delle terapie più efficaci per il trattamento della fibromialgia  , questo aumenta la produzione di collagene, diminuisce l’affaticamento e i radicali liberi, quindi diminuisce il dolore..

Inoltre,   è necessario integrare i trattamenti con la fornitura di un letto né morbido né duro , giù cuscino, evitare l’uso di droghe e bevande stimolanti, evitare temperature estremamente calde o fredde e ricevere senza disturbare luci o rumori. Questi trattamenti adiuvanti mostrati in indagini del dolore del 10% -44% e aggiunti al farmaco, terapia neurale, medicina ortomolecolare IV ricca di oligoelementi, aminoacidi, vitamina C, tra gli altri, per aiutare il paziente a ripristinare la qualità della vita, svolgere le normali attività quotidiane e condurre una vita familiare e sociale senza traumi, ma la cosa più importante è rispettare pienamente il parere del medico e seguire correttamente il piano che è stato definito.

Lo adoro!

  • È necessario che i pazienti capiscano che dovrebbero essere sereni fino a quando non viene definito un trattamento appropriato per affrontare il dolore cronico che lo affligge, poiché non scompare dall’oggi al domani.
  • Per cominciare, il paziente può aiutare il medico a identificare quali sono i maggiori miglioramenti, poiché ogni caso è diverso e non tutti i trattamenti sono per tutti.
  • Non concentrare la tua vita sul dolore, diminuirà l’ansia e potrai concentrarti su ciò che migliora o peggiora la malattia.
  • L’automedicazione è dannosa. Non cambiare mai la formula senza il permesso del medico, e non scartare mai un trattamento per venire a presentare una crisi di dolore, perché la chiave per trovare un miglioramento è continuare con i trattamenti farmacologici e complementari fino alla fine.
  • Concentrati sulle cose positive della tua vita: famiglia, amici, lavoro, ecc. – questo aiuta a mitigare i sentimenti negativi che possono portare a processi di depressione, frustrazione e rabbia, che possono aumentare il dolore.
  • Evita le situazioni che generano stress, prima di uno di loro, respira profondamente, svolgi attività di rilassamento come lo yoga, passeggia o goditi la natura.
  • Esercizio con giornate moderate, come camminare, andare in bicicletta, ballare, tra gli altri, che aiutano a rilasciare endorfine e ridurre il dolore. Evitare l’eccesso di cibo che può essere controproducente. Se non sei abituato a fare esercizio, inizia con qualche minuto fino a raggiungere 30 o 40 minuti tre volte a settimana. Se è doloroso, non superare le tue possibilità, ma anche non smettere di farlo, è fondamentale rimanere attivi.
  • Socializza i tuoi sentimenti riguardo alla malattia con amici e amici intimi, senza essere vittima e senza generare compassione. Essere in grado di andare avanti e non isolarti.
  • Cerca attività che ti rendano felici e rinnovino le tue energie. Goditi una passeggiata, non stare a casa ..

fonte; https: //www.cronicadelquindio.com,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *