Lady Gaga sulla sua lotta con la fibromialgia: “Il dolore cronico non è uno scherzo”

e.

Nel numero di ottobre di  Vogue , la pop star trentaduenne si è aperta sulla sua lotta con la fibromialgia, una condizione che colpisce il sistema nervoso e provoca dolore in tutto il corpo..

“Mi sento così irritato con persone che non credono che la fibromialgia sia reale”, ha detto il cantante. “Per me, e penso per molti altri, è davvero un ciclone di ansia, depressione, PTSD, trauma e disturbo di panico, che manda il sistema nervoso in overdrive, e quindi si ha un dolore ai nervi di conseguenza.”

“Le persone devono essere più compassionevoli. Il dolore cronico non è uno scherzo. Ed è ogni giorno che ti svegli, non sapendo come ti sentirai “.

Gaga, nata Stefani Germanotta, ha rivelato che soffre della condizione debilitante lo scorso settembre, poco prima dell’uscita del suo documentario  Gaga: Five Foot Two.

“Desidero contribuire a sensibilizzare e collegare le persone che ce l’hanno”, ha twittato.

Per Gaga, il dolore è stato a volte così grave che non è stata in grado di esibirsi. Nel settembre 2017 è stata ricoverata in ospedale a causa di “forti dolori” e ha annullato i suoi prossimi concerti.

C’è molta incomprensione sulla fibromialgia, perché fino a poco tempo fa la malattia non era accettata come una vera malattia, ha detto la dottoressa Mary-Ann Fitzcharles, professore associato di medicina nella divisione di reumatologia presso la McGill University.

Molti credevano che i sintomi della fibromialgia fossero tutti “nella testa” delle persone che hanno a che fare con la malattia, dal momento che spesso sembrano sane.

“Ora è una condizione completamente riconosciuta, nessuna domanda”, ha detto Fitzcharles. “Ci siamo allontanati dall’idea che tutti i pazienti abbiano una malattia mentale”.

Cos’è la fibromialgia?

La fibromialgia è una condizione in cui le persone sentono dolore cronico nei muscoli e nei tendini, spesso insieme ad altri sintomi come problemi di sonno, mal di testa o disturbi dell’umore, ha detto Fitzcharles a Global News.

Secondo la Arthritis Society of Canada, la fibromialgia colpisce circa il due per cento dei canadesi, sebbene la maggior parte dei malati (dall’80 al 90 per cento) siano donne. Le persone di età compresa tra 20 e 50 sono più a rischio per lo sviluppo della condizione, riferisce la Arthritis Society.

Non esiste attualmente una cura per la fibromialgia, ma i sintomi possono essere gestiti attraverso il trattamento.

Come si sente la fibromialgia?

I sintomi della fibromialgia variano, ma includono affaticamento, disturbi del sonno, disfunzioni cognitive, sindrome dell’intestino irritabile, disturbi dell’umore come ansia e depressione ed emicranie. C’è un filo comune: il dolore.

“Per oltre il 30 per cento delle persone con fibromialgia, anche solo un tocco gentile e accarezzare la pelle è percepita come spiacevole”, ha detto Fitzcharles ..

Ha inoltre spiegato che per le persone con fibromialgia, i loro sintomi dolorosi indicano che c’è una disconnessione tra il loro corpo e il sistema nervoso.

“È come se il sistema nervoso venisse acceso. In molti pazienti, vediamo prove di qualcosa che chiamiamo ipervigilanza “, ha detto. “Quindi le persone sono eccessivamente sensibili a rumori forti, ambienti affollati e luce intensa.”

Che cosa causa la fibromialgia?

Gli esperti medici non sono sicuri della causa esatta della fibromialgia, ma la malattia può spesso essere fatta risalire a un evento traumatico, ha detto Fitzcharles.

“Un terzo delle persone dirà che erano in perfetta salute fisica, e poi c’è stato un evento [significativo]”, ha detto Fitzcharles. “Potrebbe essere stata una grave malattia virale, un evento traumatico, come un incidente automobilistico e un osso rotto, [o] un evento fisiologico gravemente stressante che sembra innescare l’esordio.”

Per gli altri due terzi delle persone che convivono con la fibromialgia, Fitzcharles afferma che la condizione sembra venire fuori dal nulla. C’è una maggiore possibilità di sviluppare la condizione se la tua famiglia ha una storia di fibromialgia ..

Perché la fibromialgia è difficile da diagnosticare?

La fibromialgia ha perplesso i medici per anni. È difficile da diagnosticare perché non esiste un test standardizzato per la condizione, e non c’è nemmeno un test per confermare la diagnosi. Inoltre, i sintomi delle persone possono cambiare spesso e di nuovo, quelli che vivono con fibromialgia spesso sembrano sani.

“Il paziente sembra assolutamente normale. Non c’è gonfiore, non c’è febbre, non c’è niente da vedere. Quindi anche la famiglia e gli amici hanno difficoltà a comprendere il processo “, ha detto Fitzcharles.

Poiché è difficile da identificare, dice che in genere richiede ai pazienti cinque anni prima che vengano diagnosticati correttamente.

“Quello che i medici devono fare [per diagnosticarlo] è prendere una buona storia [medica] dal paziente ed esaminare il paziente per assicurarsi che una delle condizioni che possono [apparire] come fibromialgia non sia presente”, ha detto.

Quindi, i medici eseguiranno test minimi per garantire che non ci siano altre malattie di base. “Raccomandiamo davvero di non effettuare test eccessivi sui pazienti, come l’eccessiva radiografia e la risonanza magnetica.”

Come tratti la fibromialgia?

Fitzcharles afferma che la condizione può essere trattata con farmaci, ma la maggior parte dei pazienti controlla la propria malattia con tecniche autogestite, tra cui uno stile di vita sano, un sonno adeguato e riducendo al minimo lo stress.

“Probabilmente l’intervento che ha più successo è un programma regolare di attività fisica confortevole”, ha detto Fitzcharles. “La gestione non farmacologica è estremamente importante.”.

Se un paziente ha bisogno di farmaci, Fitzcharles ha detto che è importante trovare farmaci che aiutano ad alleviare il dolore – non contribuire ad esso ..

“Sfortunatamente, la maggior parte dei farmaci che usiamo ha effetti collaterali considerevoli, e molti degli effetti collaterali possono essere simili ai sintomi della fibromialgia”, ha detto. “Quindi se un paziente dice che ha una terribile difficoltà a dormire e un dolore [significativo], se possiamo scegliere un farmaco che possa influenzare il sonno e il dolore, è così che stiamo facendo.”

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *