Non consumare questi alimenti infiammatori se soffri di fibromialgia, artrite o dolore muscolare.

Gli alimenti infiammatori sono quelli che favoriscono e provocano più infiammazioni in tutto il corpo. I processi infiammatori sono il punto di partenza per più malattie e peggiorano i sintomi della fibromialgia, dell’artrite e dei dolori muscolari.

Attualmente, il dolore è la condizione più curata da medici e specialisti. Conosciamo tutti qualcuno che soffre di un dolore quasi cronico o siamo noi a soffrirlo. Analgesici e antinfiammatori non steroidei sono i farmaci più venduti al mondo. Secondo le probabilità, questa tendenza non sarà invertita nei prossimi anni.

Tuttavia, la nostra dieta continua a essere carente e ricca di cibi infiammatori. Mentre tutti noi crediamo che il dolore alle articolazioni possa essere causato solo dall’artrite, in un corpo gonfio possono essere diagnosticate dozzine di malattie. In sintesi: infiammazione = dolore. I processi infiammatori nel nostro corpo danno origine a numerose malattie, ma qual è l’origine dell’infiammazione?

5 cibi infiammatori che dovresti evitare.

Mentre i medici prescrivono analgesici per il dolore, è bene conoscere la radice dell’infiammazione e interrompere qualsiasi processo. Gli analgesici lavorano per alleviare il disagio ma non curano. Ippocrate disse: “Lascia che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo”. Se soffri di dolori articolari, dolori muscolari o qualche tipo di fibromialgia, è molto importante rimuovere questi cibi infiammatori dalla tua dieta quotidiana.

1. Zucchero

Sia lo zucchero raffinato che i cibi altamente trasformati (pasti istantanei, snack, cibo spazzatura, ecc.) Sono i peggiori alimenti per dolori articolari e muscolari. Gli alimenti zuccherati o trasformati (che non sono sempre dolci) sono alimenti infiammatori perché irritano in modo significativo il tratto gastrointestinale, dove si trova gran parte del nostro sistema immunitario. Gli esperti sostengono che l’infiammazione cronica ha origine nell’intestino.

2. Alcool.

Come abbiamo visto centinaia di volte, l’alcol è veleno per l’organismo e quando entra nel flusso sanguigno, il corpo inizia più processi per eliminarlo. Mentre puoi prendere uno o l’altro bicchiere sporadicamente, ricordati sempre di farlo con moderazione. L’eccesso è il peggior nemico del dolore, danneggia la flora intestinale, promuove la crescita dei funghi e ostacola la capacità del corpo di disintossicarsi. Questo accade perché l’alcol, ovviamente, è una molecola di zucchero combinata con una molecola di grasso.

3. Cereali

I cereali non sono cibi infiammatori. Il problema è che tendono ad essere più difficili da digerire e se mostrano una certa sensibilità gastrica (per quanto lieve possa essere) possono peggiorare la condizione e promuovere la “sindrome dell’intestino permissivo”. È un problema infiammatorio quando la sensibilità al glutine peggiora il problema. Ricorda che non è necessario essere celiaci per mostrare sensibilità a questa proteina; Può anche verificarsi in casi lievi.

Tutto questo è peggio se aggiungiamo acido fitico e lectine con molti grani. Entrambi ostacolano la capacità di assorbire calcio, magnesio e altri minerali essenziali.

4. Oli vegetali raffinati.

Gli alimenti infiammatori più comuni nel gruppo di oli sono canola, soia e mais. Contribuiscono all’infiammazione perché di solito presentano alcune modificazioni genetiche che li rendono difficili da digerire. Di solito li trovi nei pasti al ristorante o come ingredienti in pasti raffinati. Cerca di evitarli!

5. Prodotti lattiero-caseari pastorizzati.

Il 75% della popolazione mondiale ha un’intolleranza al lattosio. Ovviamente, in alcune persone è così mite che non mostra sintomi visibili. Tuttavia, alcuni processi che portano all’infiammazione si verificano all’interno del corpo. I latticini pastorizzati sono considerati alimenti infiammatori che promuovono dolori articolari o muscolari.

Alcune ricerche sostengono che la maggior parte delle persone sensibili al glutine presenta anche problemi quando consumano prodotti lattiero-caseari. Ciò accade perché le mucche sono alimentate con glutine e contengono numerosi ormoni e sostanze chimiche che vengono poi trasferite nel latte. La caseina da latte è una proteina che può agire in modo simile al glutine, quando entra nel corpo..

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *